il binomio Pilato / Binz

TRADIZIONI DI ECCELLENZA

Siglato un accordo di legale rappresentanza per l'Italia, l'azienda di Nervesa della Battaglia presenta agli operatori italiani l'autofunebre limousine ed i due modelli a due e cinque posti prodotti dalla Casa tedesca.

Difficile dimenticare, a TANEXPO 2004, il debutto della "Cinque Posti", capostipite di un nuovo modo di intendere l'autofunebre, in cui l'immagine MERCEDES, imperniata sulla tecnologia e sulla sicurezza, si sposa con una capacità innovativa e una creatività nel design mai registrate prima. Elegante nelle linee, ma razionale e robusta nelle sue funzioni, è diventata così il simbolo di forza e di successo per tutti gli operatori funerari che la utilizzano nella propria attività e che hanno avuto modo di scoprirne le alte prestazioni. Lo studio e la progettazione della "Cinque Posti" è stata una impresa difficile che per PILATO si sarebbe rivelata impossibile senza il supporto di un valido alleato come BINZ, l'Azienda tedesca dalla cui collaborazione è nato per l'appunto il veicolo in questione.

PILATO presenta oggi a tutti gli Impresari una nuova, brillante iniziativa, l'introduzione sul mercato italiano delle autofunebri BINZ H/2, H/4 e della Limousine. È fondamentale per un'azienda entrare in contatto con i propri partner europei; questo ha rappresentato per PILATO una possibilità di crescita e l'opportunità di far conoscere un "made in Italy" non più limitato a moda o design, ma legato a un concetto più maturo che unisce tecnologia, ricerca, innovazione, cultura e, soprattutto, competenze. L'esito entusiasmante riscosso a Modena dalla "Cinque Posti" testimonia l'efficacia di un simile lavoro di squadra.

 

 

BINZ: STORIA DI UNA LUNGA TRADIZIONE

La lunga storia della BINZ è indissolubilmente legata alla figura del fondatore, Michael Binz. Un giorno, nei primi anni del secolo scorso, nello stabilimento della DAIMLER di Cannstatt si stava lavorando per produrre la limousine ordinata dal Kaiser per la sua consorte. Non appena la vettura imperiale fu terminata, si mandò a chiamare il maresciallo di corte perché ispezionasse la macchina e definisse i tempi di consegna del mezzo alla famiglia reale. Una rapida occhiata, e il maresciallo osservò seccamente: "Una vettura simile è inaccettabile per Sua Maestà". Tutti rimasero atterriti da queste parole e chiesero spiegazioni. "Ma come? - continuò il maresciallo - La porta è larga appena due piedi. Sua Maestà la Regina è solita indossare i suoi cappelli fiorentini a larghe falde. Non penserete mica che vorrà torcere il suo collo imperiale ogni volta che dovrà salire a bordo?". Si fece strada, nel gruppo di quanti avevano lavorato per costruire quel modello, un giovane pieno di talento e di risorse e avvicinatosi al capo-ingegnere Schulz gli sussurrò all'orecchio: "Se i meccanici mi mettono a disposizione un telaio allungato, provvederò ad allargare le porte e ad adattare la scocca". La proposta fu accolta. Gli ingegneri meccanici pensarono ad allungare il telaio, poi la scocca di legno del telaio fu smontata e tagliata lateralmente in due parti all'altezza delle porte. Fu dunque aggiunto un pezzo della larghezza di 12 pollici dentro le intaccature e si costruirono due porte più larghe delle precedenti. Nacque così la prima limousine allungata. Il giovane che ebbe la brillante intuizione era proprio Michael Binz, il fondatore della società che ancora oggi porta il suo nome.

Messosi in proprio nel 1936, iniziò subito a trasformare autovetture in veicoli ad uso speciale: taxi, furgoni, ambulanze e macchine per la polizia. Spinto da una inesauribile passione e sorretto da una competenza non comune, divenne ben presto in Germania un autentico punto di riferimento nel settore dell'autotrasformazione. Oggi il marchio BINZ è in tutta Europa sinonimo di grandi prestazioni, di tecnologie all'avanguardia, di un eccezionale livello di sicurezza su strada, di grande affidabilità e di un design accattivante. Binz è nota a tutti come l'allestitore di prima classe. Molte case automobilistiche tedesche si affidano al know how della BINZ e collaborano in maniera molto stretta con questa Azienda situata a Lorch, a circa 50 km da Stuttgart nel sud est della Germania, contribuendo così a renderne ancora più solido il marchio. Fin dagli anni '80 Binz sviluppa e produce, in collaborazione con Daimler Chrysler, i telai allungati e le limousine ricavati dalla classe E dei modelli 124, 210 e 211. Nei suoi stabilimenti di Lorch vengono prodotti annualmente più di 1000 veicoli, successivamente distribuiti in tutta Europa dalla Daimler Chrysler ai diversi costruttori e allestitori di ambulanze e autofunebri.

IL PRIVILEGIO DEL MARCHIO BINZ

In tutta Europa il marchio BINZ è sinonimo di alta qualità. Essendo da molti anni partner della MERCEDES BENZ nell'ambito dell'autotrasformazione dei veicoli della classe E, BINZ offre la migliore qualità nel rispetto delle norme MERCEDES in ogni fase, dall'inizio della costruzione al momento della consegna. Non dimentichiamo che BINZ è l'unica carrozzeria in Europa a fornire un COP (Conformity of Production) e a rilasciare successivamente il COC (Certificate of Conformity) necessario per l'immatricolazione ad autofunebre. Oggi senza il diretto coinvolgimento della Casa automobilistica produttrice del mezzo è pressoché impossibile realizzare un telaio più lungo rispetto a quello standard e capace, allo stesso tempo, di soddisfare le normative sulla sicurezza e quelle ambientali. Questo perché la casa automobilistica non concepisce quasi mai un modello con il progetto di doverlo modificare poi in un veicolo ad uso speciale. Un contatto costante e diretto tra la Casa produttrice e l'allestitore che ne allunga l'interasse (cioè la distanza tra le due ruote) ha assicurato da sempre il mantenimento dei parametri sulla sicurezza, l'integrità del design originale e il rispetto delle norme ambientali sull'emissione degli scarichi.

Il nuovo "modello 211" della classe E è composto da un sistema elettronico ad alta tecnologia, un sistema frenante particolarmente complesso e sistemi di controllo delle sospensioni davvero esemplari. Il computer di bordo che controlla tutte queste funzioni è stato specificatamente sviluppato e concepito dalla DAIMLER CHRYSLER di Stoccada per i propri veicoli. BINZ ha compiuto notevoli investimenti per realizzare software "intelligenti" idonei a far funzionare correttamente questo "capolavoro di elettronica" in un autotelaio della classe E che deve essere necessariamente più pesante rispetto ad una normale vettura. Questi software sono stati sviluppati in collaborazione con la MERCEDES e sono esclusiva proprietà intellettuale di BINZ. Nessun altro allestitore europeo ha accesso a questo software ed esso non è disponibile da alcuna altra fonte, neppure dai fornitori delle componenti elettroniche della stessa MERCEDES BENZ.

 

 

BINZ/PILATO: UN LAVORO DI SQUADRA

Vantando una così lunga tradizione nel campo dell'autotrasformazione, BINZ decide nel 2001 di divenire essa stessa produttrice di autofunebri. Nascono così i modelli H/2 e H/4. Ma la brillante intuizione di BINZ è stata quella di aver concepito e sviluppato un autotelaio allungato di circa 500 mm rispetto a quello standard, rendendo così possibile aggiungere una panchina nella cabina passeggeri e ottenendo allo stesso tempo una generosa abitabilità, un comfort esemplare e un'ottima funzionalità dell'abitacolo. L'ampiezza della panchina posteriore è in grado di offrire ai passeggeri una libertà di movimento per le ginocchia non rilevabile in altri modelli di autofunebre "4 porte".

A Parigi, nel 2002, PILATO stabilì con BINZ una collaborazione che potesse permetterle di offrire quello stesso tipo di autotelaio allungato anche al mercato italiano. Pioniera di questa inedita collaborazione, la "Cinque Posti" - allestita in Italia da PILATO, allungata, testata e certificata a norma di COC da BINZ - è divenuta per il mercato italiano la protagonista di quel segmento dell'imprenditoria funebre sensibile al fascino di una vettura davvero "speciale" ed orientata ad avere un mezzo di lavoro in linea con le proprie esigenze professionali.

L'interazione con un così ambito partner europeo, oltre a rafforzarne la struttura produttiva, ha spinto PILATO ad operare con più elevati standard di qualità e ad ottenere una continua assistenza progettuale di primo livello e apprezzate consulenze tecniche. BINZ infatti non si limita solamente a fornire l'autotelaio allungato, bensì l'esperienza e il know-how accumulati in proficui ed intensi anni di attività, orientando l'Azienda italiana verso un obiettivo ancora più ambizioso: progettare soluzioni complete per le richieste del mercato nazionale. Sempre flessibile come un'impresa familiare, ma con più elevati livelli di esperienza, professionalità, capacità innovative, per PILATO la parola d'ordine adesso - dopo il successo della "Cinque Posti" - è "crescere ancora, pensare nuovo, puntare su innovazione, nuovi mercati e alleanze vincenti".

PROTAGONISTE DEL RINNOVAMENTO

La presentazione delle autofunebri BINZ H/2 e H/4 è il risultato di un progetto voluto dalle due Aziende con l'obiettivo di accrescere la possibilità, per l'imprenditoria funebre italiana, di scegliere tra diversi tipi di autofunebri e di promuovere la cultura dell'innovazione. Lo scambio di know how e uno sforzo comune, dunque, per offrire una opportunità in più rispetto a quelle già presenti e per adeguare l'Italia agli standard degli altri stati europei. PILATO è oggi la legale rappresentante in Italia della società tedesca per quanto riguarda le autofunebri ed è pertanto autorizzata a richiedere la trasposizione nel sistema informativo delle omologazioni comunitarie europee dei veicoli prodotti dalla BINZ in conformità alla normativa vigente. Il mercato saprà apprezzare appieno tutti gli ingredienti di questa nuova ricetta automobilistica, anche perché l'autofunebre è ormai elemento preponderante nel qualificare la professionalità degli Operatori in tutte le loro esigenze lavorative, oltre che essere, per i dolenti, reale testimonianza di omaggio nei confronti del proprio caro defunto.


Bergamo - Cedesi Forno Crematorio per Animali

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Car Fibreglass

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo