Rotastyle

Le basi per un sistema di gestione per la qualità

L'impegno della Direzione

Il successo delle imprese spesso dipende dalla visione della realtà, dalla capacità di comprendere gli scenari presenti e di cogliere i segnali del cambiamento, dalla intuizione degli scenari futuri.
Uno dei segnali che si sono mostrati maggiormente nello scenario imprenditoriale degli ultimi anni è sicuramente il meccanismo delle certificazioni come strumento di controllo delle prestazioni. Questo meccanismo è stato storicamente avviato fin dagli anni ’90 dalle grandi imprese per controllare i fornitori e i subfornitori. Così nascono nell’87 la norma ISO 9001 per garantire la qualità, nel ’94 la ISO 14001 per controllare i danni all’ambiente, nel ’99 la OHSAS 18001 per migliorare le condizioni di sicurezza per i lavoratori, nel 2001 la SA 8000 per migliorare la responsabilità sociale d’impresa e le condizioni lavorative a livello mondiale. Tutte queste norme hanno in comune di essere volontarie (non vi è obbligo di adesione) e di essere applicabili ad ogni genere d’impresa. Oggi vediamo la Pubblica Amministrazione usare identici strumenti proprio per gli stessi motivi: impossibilità di controllare la qualità e le altre dimensioni aziendali e delega del controllo ad enti terzi specializzati, i cosiddetti organismi di certificazione.
Negli articoli precedenti abbiamo visto come la norma europea EN 15017 del 2005 rappresenti una focalizzazione normativa sulla qualità delle imprese funebri e come EN 15017 e ISO 9001 presentino all’impresa funebre opportunità complementari e non alternative: la prima è specifica del servizio ed entra nel merito delle attività che una buona struttura funeraria deve sapere e poter svolgere, la seconda fissa invece criteri di qualità del sistema di gestione. Che cosa significa sistema di gestione? Letteralmente un modo sistematico di gestire l’impresa: sistema di gestione per la qualità significa perseguire sistematicamente risultati buoni per il cliente, in linea con le attese e quindi con il prezzo che lo stesso è disposto a pagare. Il modo in cui le imprese riescono a garantire costantemente la qualità dei loro servizi è il loro “metodo”, il loro “sistema” appunto.
 
La ISO 9001 tenta di impostare tale metodo elencandone una serie di requisiti e prevede che la direzione:
  • stabilisca un impegno, la cosiddetta “politica per la qualità”, e di conseguenza degli obiettivi;
  • metta a disposizione giuste risorse umane (in termini di formazione e di organizzazione);
  • definisca (o ne deleghi la definizione) i processi, le procedure, le istruzioni e la documentazione di processo con opportuni strumenti;
  • controlli l’applicazione del sistema così stabilita e il raggiungimento degli obiettivi definiti all’origine.
Esistono numerosissimi esempi di come questi pochi semplici punti si possono tradurre nella pratica in veri e propri documenti strategici e operativi d’impresa. Per fare un esempio, la politica per la qualità è spesso ispirata ad un codice deontologico: in greco “déon” significa “dovere” e quindi la “dottrina dei doveri”; per estensione l’insieme delle regole morali che governano la professione.
Garantire il più totale rispetto delle esigenze della clientela, mostrando le più elevate sensibilità umana e professionale possibili, a seconda del contesto e della delicatezza della situazione.
  • Garantire correttezza, puntualità, serietà e riservatezza durante tutta la durata del servizio funerario.    
  • Impegnarsi ad offrire un servizio dignitoso anche in presenza di situazioni di particolare disagio finanziario.       
  • Rispettare le differenze etniche, religiose e culturali, offrendo un servizio sempre adeguato ad ogni particolare esigenza, sia a livello nazionale che internazionale.       
  • Farsi carico di ogni incombenza necessaria al corretto svolgimento del servizio funerario.      
  • Garantire la costante e discreta presenza di propri collaboratori, al fine di prevenire e di affrontare le più delicate situazioni.       
  • Garantire alla clientela la tutela della più totale riservatezza.      
  • Garantire l’assistenza di personale altamente specializzato, periodicamente sottoposto a corsi di formazione e di aggiornamento.
  • Offrire una organizzazione efficiente basata sulle più adeguate tecnologie.
Da questa dichiarazione di impegno della Direzione discendono tutti gli obiettivi, le disposizioni organizzative e le procedure aziendali. Si potrebbe credere che l’impresa funebre, avendo una struttura organizzativa piuttosto semplice, possa fare a meno di questa pianificazione. Non è così: se obiettivi e ruoli non sono definiti è sicuro che anche i risultati saranno altrettanto poco definiti.
Devono essere descritti processi, procedure e istruzioni. I processi descrivono l’operatività ad alto livello, individuando fasi, operatori e documenti. Le forme possono essere testuali o grafiche, oppure una giusta commistione di testi e diagrammi in modo da garantire la massima efficacia. Le procedure e le istruzioni approfondiscono il livello di dettaglio andando a guidare l’operatore nelle attività specifiche: quelle stesse attività in cui sono celate le dimensioni della qualità peculiari dell’impresa funebre.
Nel prossimo articolo vedremo come l’impegno della Direzione e i generici buoni propositi espressi nella politica possano concretizzarsi in vera e propria forza organizzativa.
 
 
Andrea Aulisi


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

TANEXPO

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore