Carmelo Pezzino
Vogliamo questo mese darvi una prima generica informazione su nuove iniziative che la nostra rivista attiverà nel prossimo biennio grazie alla collaborazione instaurata con due importanti Istituzioni scientifiche e culturali, il Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale dell’Università degli Studi di Bologna e l’Accademia di Belle Arti di Brera.
Il Dipartimento di Arte e Antropologia del Sacro dell’Accademia lavorerà su tre ambiti (i cimiteri, le camere mortuarie ospedaliere, i prodotti simbolo dell’attività funeraria e cimiteriale) per i quali, attraverso l’utilizzo di diversi linguaggi visivi e in particolare del colore e della luce, intende sviluppare un processo esperienziale in stretta relazione con i materiali e con le nuove esigenze culturali ed esistenziali della società contemporanea. Obiettivo è quello di conferire, ai luoghi ed ai prodotti, una immagine meno standardizzata, più funzionale e capace di evocare stati d’animo e sensazioni di serenità e di pace che meglio aiutino a vivere i contesti nei quali ci si trova ad affrontare, in diversi momenti, l’evento morte. L’indagine sulle camere mortuarie ospedaliere è già avviata, limitandosi al momento ad alcune strutture sanitarie del capoluogo lombardo; per quella sui cimiteri si vorrebbe lavorare su autocandidature di comuni grandi e piccoli che intendano avvalersi, a titolo assolutamente gratuito, di una consulenza progettuale qualificata e all’avanguardia. Invitiamo quindi tutti gli Amministratori interessati a contattare la redazione di Oltre Magazine per conoscere modalità e tempi per aderire alla iniziativa. Il lavoro di Brera sui prodotti “simbolo” dell’attività funeraria e cimiteriale ha, al momento, identificato nel cofano funebre, nell’autofunebre, nel corredo tombale e nelle uniformi degli operatori le proprie sfere di intervento: su questi temi si impegneranno, per due semestri, gli allievi dell’Accademia. Due borse di studio per ciascuna categoria premieranno i progetti migliori che verranno realizzati da importanti produttori italiani e che, insieme all’iter didattico e a tutte le proposte elaborate, saranno possibile oggetto di una Mostra da organizzare in occasione di Tanexpo 2012.
La ricerca intrapresa dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale dell’Università di Bologna si è occupata, negli ultimi cinque anni, delle Camere per il Commiato, spazi che, pur non essendo chiese, emergono nella contemporaneità come luoghi progettati, percepiti e fruiti come “sacri”, nuovi santuari del nostro tempo e sedi di comportamenti rituali. La crescente secolarizzazione non corrisponde ad una eclissi del sacro, ma piuttosto ad una sua metamorfosi, all’insegna di una forte contaminazione del “profano”, con manifestazioni anche inusuali, talvolta sorprendenti e sempre all’insegna di in una certa ritrovata promiscuità tra gli opposti. Il Corso di Laurea in Ingegneria Edile – Architettura ha impegnato alcuni laureandi nella progettazione di nuove soluzioni per le Sale del Commiato con proposte che abbiamo ritenuto particolarmente interessanti anche come spunto di riflessione per tutti coloro che hanno in programma di realizzare proprie Case Funerarie. Dal prossimo mese pubblicheremo su Oltre Magazine gli elaborati più meritevoli che, qualora fossero valutati da Operatori Funerari e Istituzioni utili per essere “collocati” nelle diverse realtà, potranno essere rielaborati e personalizzati attraverso una attività consulenziale alla quale i singoli autori si sono dichiarati disponibili.
Seguiremo queste iniziative in maniera costante e vi terremo aggiornati su come si articoleranno nel tempo.
Buona lettura a tutti!
 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo