Il questionario proposto agli espositori di Tanexpo 2010

L'analisi di un successo per un futuro ancora più radioso

L’indiscutibile successo di Tanexpo 2010, unanimemente riconosciuto a livello internazionale, è stato confermato, se mai se ne fosse ancora avvertita la necessità, dai risultati del sondaggio effettuato dagli Organizzatori tramite un questionario inviato a tutti gli Espositori nei giorni immediatamente successivi allo svolgimento della rassegna. All’indagine ha risposto un campione sufficientemente rappresentativo (il 37% delle aziende presenti a Bologna), anche perché adeguatamente distribuito su tutte le categorie merceologiche, e le valutazioni espresse si sono rivelate particolarmente interessanti.
Il report sul questionario è stato ufficialmente presentato in un incontro al quale sono stati invitati tutti gli espositori dell’edizione 2010 e che ha avuto luogo venerdì 22 ottobre presso BolognaFiere. La riunione, fortemente voluta da Nino Leanza anche per ascoltare dalla viva voce delle aziende esigenze ed opportunità utili a meglio predisporre contenuti e strategie di Tanexpo 2012, ha consentito, sentite le opinioni di tutti, di definire anche per il 2012 l’attuale collocazione nel calendario settimanale (venerdì, sabato e domenica) e i medesimi orari di apertura della precedente edizione, con la possibilità di anticipare di un paio d’ore l’orario di chiusura della domenica. Sono arrivate anche le prime conferme di partecipazione che verranno formalizzate nel momento in cui sarà predisposta la relativa modulistica.
Vi proponiamo, in sintesi, i dati principali ricavati dalla elaborazione delle risposte ricevute. Emerge un elevato apprezzamento sulla affluenza dei visitatori italiani (buono/ottimo 82%, soddisfacente 15%, scarso 3%) e stranieri (buono/ottimo 61%, soddisfacente 37%, scarso 2%) e sulla qualità degli stessi (italiani: buono/ottimo 70%, soddisfacente 27%, scarso 3%; stranieri: buono/ottimo 48%, soddisfacente 39%, scarso 13%). Da potenziare la presenza di enti pubblici, marmisti e fioristi.
Sui diversi obiettivi di partecipazione suggeriti spicca una generale soddisfazione per il raggiungimento degli stessi, con una percentuale di valutazione “buono/ottimo” che oscilla fra il 63% e l’82%. Anche il giudizio sul business sviluppato direttamente in fiera che, non dimentichiamolo, non è fra i traguardi primari della partecipazione si è attestato sul 45% per “buono/ottimo” e sul 41% per “soddisfacente”.
Molto positiva anche la performance degli eventi collaterali (buono/ottimo dal 61% al 77%), con qualche criticità per il workshop sulla domanda internazionale e per gli incontri b2b che, pur considerati importantissimi e da ripetere nel 2012, hanno patito una non efficace informazione preventiva e qualche disguido organizzativo: è stata valutata con favore la possibilità di proporli nel pomeriggio della vigilia del giorno di apertura, anche per dare agli operatori stranieri l’opportunità, rotto il ghiaccio, di portare avanti conoscenze ed eventuali accordi commerciali nelle tre giornate successive e presso gli stand di ciascun espositore ritenuto interessante. Eccellente la valutazione sui laboratori di formazione (buono/ottimo 69%, soddisfacente 31%) che, a testimonianza di una reale esigenza avvertita dal comparto, è stato richiesto che vengano reiterati nel 2012.
Un discorso a parte merita la Serata Internazionale a Palazzo Re Enzo organizzata la scorsa primavera: l’evento è stato considerato di assoluto livello, graditissimo ai partecipanti italiani e ritenuto “eccezionale” dagli ospiti stranieri. La volontà comune è quella di riproporla, in una cornice altrettanto suggestiva, anticipandola alla serata del venerdì onde evitare la concomitanza con iniziative aziendali eventualmente poste in essere dai singoli espositori.
I diversi aspetti organizzativi considerati hanno registrato valutazioni sostanzialmente positive (buono/ottimo 66%, soddisfacente 30%) anche se sono emersi alcuni “punti deboli” sulle modalità di allestimento e di smontaggio, sui servizi di ristorazione, sul costo dei parcheggi, sull’assenza di contromarche che permettessero, nella stessa giornata, di rientrare in fiera una volta usciti.
Complessivamente il livello di soddisfazione su Tanexpo 2010 si è attestato in generale su buono/ottimo per il 70%, su soddisfacente per il 27% e su scarso per il 3%. Ottime le prospettive per il 2012 con il 76% del campione che conferma la propria partecipazione e con il 24% ancora indeciso prevalentemente perché ritiene ancora prematuro prendere già oggi una decisione al riguardo.
Obiettivo dell’indagine era quello di raccogliere il punto di vista degli espositori sulle possibilità di garantire migliori opportunità e sui fattori che possono determinare ritorni commerciali e promozionali più efficaci: è emerso che gli elementi su cui Tanexpo 2012 dovrà concentrare maggiore impegno debbano essere il potenziamento ulteriore della partecipazione di operatori stranieri, una politica economica in sintonia con le attese di visitatori e espositori, il conferimento di un aspetto più compatto e più omogeneo alla location.
Alla esposizione del report è seguito un vivace ed intenso dibattito, moderato dal Direttore di Oltre Magazine Carmelo Pezzino, nel quale tutti i presenti si sono espressi su critiche, desideri ed obiettivi da raggiungere, fornendo così al Presidente di Tanexpo, Nino Leanza, e al Direttore Divisione Operations di BolognaFiere, Ing. Giovanni Giuliani, temi sui quali riflettere ed operare per accrescere ulteriormente il successo di una rassegna già premiata da un consenso ampio e generalizzato. Molti gli spunti evidenziati nella discussione e tutti da considerare con estrema attenzione. Importante il riconoscimento espresso dalle due Federazioni Nazionali Feniof e Federcofit che, attraverso la voce rispettivamente del vice Presidente Massimo Benetti e del Presidente Giuseppe Bellachioma, hanno ribadito il proprio sostegno ad una manifestazione che “unica in Italia, rappresenta una eccellenza dalla quale traggono grande beneficio tutte le categorie professionali interessate”.
Si è parlato, infine, di eventuali progetti di comunicazione orientati all’opinione pubblica: l’argomento si è palesato in seguito alla richiesta, pervenuta da alcune Aziende, di dedicare una giornata anche ai visitatori non professionali. Il deciso orientamento di gran parte dei presenti, immediatamente recepito e condiviso da Leanza, è che i tempi non siano assolutamente maturi per una simile eventualità, escludendo categoricamente che ciò possa accadere. Diversa invece la valutazione su possibili iniziative, da organizzare contemporaneamente alla rassegna ma ben al di fuori di essa, con le quali fornire ai cittadini una informazione corretta ed esauriente sulle tante tematiche direttamente connesse all’evento morte.
Tanta carne al fuoco, dunque, e tanti fronti sui quali gli organizzatori dovranno impegnarsi nei prossimi mesi per trovare le soluzioni più idonee. La riattivazione di un Comitato Tecnico di Indirizzo, del quale faranno parte prestigiosi esponenti del sistema produttivo italiano, e una continua comunicazione con tutti gli Espositori, attraverso newsletter, website, Oltre Magazine e altri momenti di incontro e di confronto, permetteranno alle aziende di essere costantemente informate e di affermare così il proprio ruolo di protagonisti assoluti di Tanexpo 2012. Buon lavoro a tutti!
 
Sara Martini


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo