Un 2003 all'insegna dell'espansione

Tanexport, Consorzio Italiano di Articoli Funerari e Cimiteriali, nel 2002 ha compiuto tre anni di vita. Il Consorzio, che annovera tra i suoi Associati molte delle più qualificate aziende produttrici del settore, nasce dalla esigenza di uniformarsi alla realtà di una Europa unita anche dal punto di vista economico e dall'affermarsi di un mercato dinamico e in continua evoluzione, che richiede sempre maggiori professionalità e capacità imprenditoriali dalle quali derivano competenza, efficacia, e un rapporto qualità-prezzo ineccepibile e competitivo. Tanexport vuole elevare il livello del rapporto con il cliente, per individuarne tutte le esigenze e soddisfarne le richieste. L'accurata selezione degli Associati garantisce una ampia offerta di prodotti testati e certificati in qualità, servizi efficienti e di alto livello, esaltazione del made in Italy, riconosciuto in tutto il mondo come espressione di stile, design e creatività. Tanexport, in quest'ultimo anno, è approdato ai mercati europei e mondiali più interessanti del settore funerario e cimiteriale, partecipando alle più importanti manifestazioni fieristiche internazionali con il proprio stand istituzionale o con collettive.

Il Presidente di Tanexport, Aurelio Puato, riassume così l'attività del Consorzio e i propositi per l'anno a venire: "Abbiamo ottenuto risultati più che soddisfacenti, sia per quanto riguarda lo sviluppo dei contatti con paesi esteri, fra i quali Francia, Spagna, Grecia, Russia, Malesia e Sud America, che sul fronte nazionale. Il confronto con i produttori stranieri ha evidenziato il consenso riscosso ovunque dal made in Italy e la conseguente opportunità di incrementare l'esportazione. Con questa finalità, Tanexport si ripropone, per l'anno 2003, di potenziare la promozione all'estero, tramite la partecipazione alle principali manifestazioni espositive e il consolidamento di rapporti già instaurati con partner internazionali. Anche in Italia non mancheranno iniziative di grande rilievo, eventi, convegni e promozioni che ci permetteranno di consolidare l'ottimo rapporto di collaborazione che abbiamo con le Federazioni nazionali e con i singoli Operatori".

L'ultima riunione del Consorzio, svoltasi nei giorni scorsi a Monselice e "celebrata" con una memorabile cena a casa di papà Puato, è stata una ottima occasione, per gli Associati, per scambiarsi personalmente gli auguri per le imminenti Festività natalizie. La fine dell'anno è, per tutti, tempo di bilanci e di buoni proponimenti e, quindi, ne abbiamo approfittato per raccogliere, dalla viva voce dei protagonisti, qualche considerazione.

A rompere il ghiaccio è l'intraprendente Barbara Pilato, "contenta per gli ottimi risultati raggiunti nel 2002" dall'Azienda di Nervesa della Battaglia, e pronta, quasi, a rivelarci in anteprima assoluta tutte le novità della Pilato per il 2003. Poi Barbara ha un ripensamento: "Saranno delle grandi sorprese, che preferisco rivelare al momento opportuno. Comunque voglio rivolgere un ringraziamento a tutti i nostri clienti ed augurare a loro, ed alle loro famiglie, un sereno e prospero anno nuovo".

Anche Gian Franco Viarengo si unisce al coro dei ringraziamenti e degli auguri: "Il 2002 si è dimostrato, per GFM Imbottiture, un anno ricco di novità e di soddisfazioni. Vogliamo migliorare ancora, perché crediamo in quello che facciamo e i nostri clienti dimostrano di credere in noi".

Con spirito tutto partenopeo Antonio Scarcella ci fa trasalire: "Quest'anno, per la PAFC, non è andata bene... è andata benissimo! Ci siamo trasferiti nei nuovi capannoni e abbiamo proposto un nuovo fotocristallo. Per il futuro le prospettive sono ottime!".

Massimiliano Mattia, della RGB International, traccia un bilancio positivo dell'anno che va a concludersi: "È stato un anno importante per la nostra azienda. Il cambio di proprietà ci ha dato nuovi, grandi stimoli, e un entusiasmo che non si respirava dai tempi del compianto Lino Paci. Abbiamo lanciato nuove linee produttive, fra le quali mi piace ricordarne una in particolare, i vasi in porcellana, interamente realizzati in casa. Paolo Lungarini, manager giovane e brillante, ha portato una grande energia positiva e RGB International sta gettando le basi per un futuro esaltante".

Aurelio Puato ci dice che "per la Ceabis il 2002 è stata una buona annata. La necessità degli operatori di essere sempre aggiornati ha generato una crescente richiesta di attrezzature nuove e sicure. Ci si comincia ad attrezzare per la "casa funeraria", in attesa che sia approvato definitivamente il Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria. La Ceabis è in grado di fornire questi materiali, che già esporta in paesi quali Spagna, Francia e Sud America, dove la casa funeraria è una realtà consolidata. Grandi novità riguarderanno anche gli obitori cimiteriali e ospedalieri ai quali, da tempo, forniamo attrezzature per sale anatomiche, in Italia e all'estero".

Alberto Nicoletti della Cobalm afferma che "nonostante nel 2002 la situazione economica generale non sia stata esaltante, l'azienda è riuscita ha consolidare le proprie posizioni. Per il prossimo anno abbiamo in previsione la produzione di macchinari nuovi, fra i quali una innovativa fresa da taglio. Perfezionamenti importanti si stanno compiendo anche sul nostro articolo più gettonato, Idea Plus. Cobalm punta molto sulla ricerca e sullo sviluppo di software e di altri macchinari innovativi".

Secondo Bellei ci parla della Stiltecno: "Ci auguriamo di ripetere, nel 2003, lo stesso successo dell'anno passato quando, con la produzione di nuove tipologie di placche, libri e pergamene, la nostra azienda ha ricevuto consensi e apprezzamenti. Stiamo vagliando idee innovative che, ne siamo sicuri, permetteranno, a noi e soprattutto ai nostri clienti, di acquisire aree di mercato sempre più importanti".

"La Vezzani - è Alfredo che parla - si lascia alle spalle un anno prodigo di novità, presentate a Tanexpo e alla fiera di Verona, che vanno dal Vezzani Composition Urns al provvisorio Usa e Riusa, alle nuove colorazioni Vezzani Planet e, per finire, al V.S.P. - Vezzani Speedy Program, per la composizione dei loculi. Ma tutto ciò è il preludio a progetti ancora più eclatanti: nuovi modelli provvisori per loculi e tombe, nuove linee di prodotto in bronzo, porcellana e stonat e, questa è una novità assoluta, il lancio, in primavera, di un nuovo materiale. Forniremo nuovi servizi alla clientela. Puntiamo sulla ricerca: è questo che ci stimola, ed è questo che ci ha permesso, grazie ai nostri clienti, di diventare leader nel settore. Perciò, ciao 2002 e benvenuto 2003. Noi siamo pronti!".

Stefano Barbon, de La Veneta, sottolinea come nel 2002 ci sia stata una inversione di tendenza: "Si è tornati a privilegiare la qualità assoluta del prodotto, senza lasciarsi irretire da risparmi che, alla resa dei conti, si rivelavano controproducenti. È la qualità che paga, e la nostra azienda si è sempre espressa ai massimi livelli. Annunceremo presto una importante novità che ci riguarda e che, ne siamo certi, ci permetterà di ampliare e di consolidare la nostra posizione sul mercato".

Mario Bernasconi ci parla di Zorsol. "La nostra filosofia è sempre stata quella di migliorarci. Rinnoveremo il nostro catalogo, con nuovi modelli di maniglie e croci, e, sul fronte propriamente aziendale, gli obiettivi più ambiziosi concernono la certificazione di qualità, l'ampliamento degli spazi produttivi, l'incremento dei dipendenti per la realizzazione all'interno della nostra struttura di fasi di lavorazione precedentemente svolte da terzi e, infine, il potenziamento della rete vendite. Sarà un anno importante per la Zorsol, il 2003, e lo dobbiamo ai nostri clienti ed ai nostri collaboratori, ai quali vogliamo rivolgere il nostro pensiero augurale".

Chi meglio di Nino Leanza, patron di Tanexpo, potrebbe chiudere questa carrellata e ribadire, a nome di tutti i Soci di Tanexport, l'augurio per un prospero e proficuo 2003. "Il 2002 è stato un anno ricco di soddisfazioni. Tanexpo ha dimostrato di essere, ormai, la più importante manifestazione europea di settore. Certo, noi ci siamo impegnati sempre ed al massimo, ma la vera chiave di questo successo è l'ottimo rapporto che ci lega indissolubilmente al mondo produttivo, a tutto il comparto commerciale delle Onoranze Funebri, agli Enti ed alle Istituzioni che operano, in Italia ed all'estero, nel settore funerario e cimiteriale. L'edizione 2004 sembra lontana, ma è dietro l'angolo. Noi stiamo già lavorando alacremente per renderla, se possibile, ancora più grande, più utile, più interessante. E ci auguriamo che tutte le espressioni del settore ci siano vicine, con un contributo di idee e di esperienze dalle quali, davvero, non possiamo prescindere".
 
Roberta Balboni

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo