Star Fighter

attenta alle diverse tendenze, ma non condizionata dalle stesse, Pilato dimostra ancora una volta di saper interpretare i valori e le necessità del mercato funebre europeo. Divenendo apportatrice di innovazione e di progresso

Con "Star Fighter", l'ultima creazione presentata a Tanexpo 2006, Pilato offre una risposta originale alla crescente domanda di autofunebri sempre più eleganti e prestazionali. Nell'ambito di questo progetto, i tecnici e i progettisti della Pilato hanno svolto un ruolo di coordinamento stilistico degli esterni, ispirandosi ai principi creativi e progettuali che sono alla base di tutti gli altri modelli 211 attualmente in produzione. Ogni nuova autofunebre, infatti, è sviluppata in similitudine di stile con il veicolo Mercedes Benz da cui deriva. Questo consente di scorgere nelle linee di carrozzeria una continuità evolutiva con la famiglia di origine e di riconoscere subito il prodotto Pilato come un autentico veicolo "Mercedes".

Il risultato è un mezzo moderno e di grande prestigio, destinato a servizi eccellenti perché capace di offrire sempre, in dosi equilibrate, nuovi materiali e nuovi motivi, senza abbandonare la strada della sobrietà e degli allestimenti dal gusto raffinato. Si dà sempre più importanza all'aspetto pratico, valutando parametri fondamentali per questo tipo di prodotti quali il buon funzionamento degli impianti idraulici ed elettrici installati, la manutenzione e il grado di efficienza. In definitiva, come per tutti i veicoli che escono dalle Officine di Nervesa, l'intento è quello di far comprendere il valore del design in un settore molto tecnico e tradizionalmente poco sensibile all'estetica, stravolgendo principi costruttivi che si credevano oramai consolidati.

NASCITA E SVILUPPO DELL'IDEA

Il processo di progettazione del veicolo avviene impiegando metodologie tradizionali e avanzate. Il progetto iniziale si sviluppa con schizzi di concetto che nascono interagendo con l'architettura del veicolo di base Mercedes al quale i designer della Pilato si ispirano. Il processo avanzato si avvale di sistemi informatici dell'ultima generazione per la modellazione delle superfici e per gli studi di fattibilità in funzione delle esigenze produttive. La fase finale, quella della ingegnerizzazione vera e propria, consiste nella creazione di un prototipo in scala 1:1. Questo modello, costruito mediante una fresatrice, servirà successivamente alla produzione degli stampi dai quali vengono ricavate le scocche.

CULTURA, DESIGN E INNOVAZIONE

In questi ultimi anni il settore dell'autofunebre si è molto dinamicizzato: i modelli Mercedes vengono rinnovati con maggiore frequenza rispetto al passato; per l'allestitore, questo significa uscire costantemente con nuovi prodotti e, in termini produttivi, costruire nuovi modelli, ovvero sviluppare nuove macchine con nuove linee estetiche. "L'esigenza di rinnovamento ci ha portati a investire grandi capitali in risorse umane e nello studio di soluzioni innovative", affermano fieri i responsabili del prodotto e del marketing di Pilato. Da anni l'Azienda veneta opera con successo sul fronte della ricerca e, consapevole dell'importanza e della validità di tale atteggiamento, non ha mai lesinato di destinare a tale obiettivo ingenti risorse finanziarie e tecnologiche. L'innovazione diviene così strumento per rivitalizzare tutti i modelli attraverso il miglioramento tecnico dei mezzi e la cura del design, strumenti efficaci per modificare visibilmente il prodotto, divenendo così espressione materiale di funzionalità, sicurezza, ergonomia e contemporaneità.

 
Rossella Piovesan

Bergamo - Cedesi Forno Crematorio per Animali

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Car Fibreglass

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo