Quando rottamazione fa rima con innovazione

Ceabis, la storica azienda italiana fondata all’inizio degli anni settanta da Oscar Puato con l’obiettivo di progettare e di realizzare sistemi refrigeranti per la conservazione delle salme, è oggi una realtà “multitasking” in grado di offrire agli operatori del settore funerario una gamma completa di prodotti e di servizi. Da quando, nel 2003, è entrata a far parte del prestigioso Gruppo Vezzani, i vertici aziendali hanno puntato in modo deciso sullo studio e sulla ricerca di soluzioni atte a far fronte a qualsiasi problema o esigenza l’impresario funebre incontri nell’espletamento del proprio lavoro.
Fedele alle origini da cui tutto ebbe inizio, Ceabis mantiene il proprio core business nella refrigerazione tanto che da anni si è imposta a livello internazionale quale fornitore accreditato anche in ambito sanitario.
Ibernsalm è il nome dell’apparecchio brevettato all’inizio della sua lunga storia e con cui si è fatta conoscere e stimare dal mondo funerario: una idea vincente che ancora oggi rappresenta il sistema più efficace e apprezzato per mantenere i corpi a temperatura controllata all’interno del cofano in modo discreto, lasciando libertà di accesso alla salma per il rito della veglia o per l’ultimo saluto. Il prototipo è stato declinato in diversi modelli per dare una risposta adeguata alle molteplici situazioni climatiche e logistiche. Sono così nati Ibernsalm Airy “Image” dalle dimensioni ridotte, dotato di valigia di trasporto con ruote, ideale quando è necessario intervenire in condizioni di accesso particolarmente difficoltose; Ibernsalm “Restyling”, caratterizzato da un’ampia superficie in metacrilato trasparente, applicabile indistintamente su tutti i tipi di feretro a forma retta o spallata; Turbo Air, di sempre minor impatto visivo, progettato nel pieno rispetto dell’ambiente prevedendo l’utilizzo di piastre completamente biodegradabili.
Sempre al fianco della propria clientela a cui non manca mai di dare il necessario supporto, l’azienda di Este sta in questi giorni promuovendo una straordinaria opportunità. Gli operatori che volessero rinnovare le proprie attrezzature potranno rendere il vecchio frigorifero di qualunque modello e marca che verrà valutato 500 euro da utilizzare per l’acquisto di un apparecchio refrigerante di ultima generazione. Questa operazione non ha un fine meramente commerciale, ma rappresenta una importante azione di sostegno all’ambiente poiché l’obiettivo primario è quello di eliminare dal mercato apparecchiature obsolete che, se superano i quindici anni di costruzione, funzionano ancora con il dannoso gas R22 il cui utilizzo è stato bandito dall’inizio del 2015.
Tutto ciò conferma ancora una volta la grande attenzione e il costante impegno profusi da Ceabis nella ricerca per realizzare prodotti sempre più all’avanguardia e in regola con le normative vigenti.
 
Raffaella Segantin


Bergamo - Cedesi Forno Crematorio per Animali

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

Car Fibreglass

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo