Oltre Magazine

ITALIANA CREMAZIONI - PROGETTIAMO E COSTRUIAMO CREMATORI

Fiere

N. 10 - Ottobre 2006 -> Legale, tributario, fiscale

IL TFM, TRATTAMENTO DI FINE MANDATO DEGLI AMMINISTRATORI

Intendiamo fornire al lettore un approfondimento sull'indennità di fine mandato istituibile da parte della società nei confronti degli amministratori che consenta di individuarne la natura, le finalità, le modalità di applicazione ed il relativo trattamento fiscale. Riteniamo infatti utile per le società comprendere le caratteristiche e le modalità di funzionamento di detta indennità, al fine di dotarsi degli elementi necessari per decidere, di concerto con gli amministratori, se istituirla o meno.


NATURA E MODALITA' DI ISTITUZIONE

Il trattamento di fine mandato degli amministratori è un'indennità che l'impresa si impegna a corrispondere agli amministratori alla scadenza del mandato. Come il compenso, deve essere preventivamente stabilita e determinata dall'atto costitutivo della società o dall'assemblea dei soci. Può essere stabilita in misura fissa, percentuale sul compenso annuo o proporzionalmente ad alcune grandezze del bilancio.


TRATTAMENTO FISCALE IN CAPO ALLA SOCIETA' ED IN CAPO AGLI AMMINISTRATORI

Se il diritto all'indennità risulta da data certa anteriore all'inizio del rapporto (nomina o rinnovo):

- la società deduce in ogni esercizio la quota Tfm di competenza (è indeducibile ai fini Irap) e, alla cessazione del mandato, eroga l'indennità al netto della ritenuta d'acconto del 20% (circolare 37/E 6/7/01) da versare all'Erario con cod. 1040;
- l'indennità incassata dall'amministratore è soggetta ad Irpef con tassazione separata ex art. 17 c. L'Agenzia delle Entrate provvede al ricalcolo dell'imposta, con il criterio della tassazione separata, applicando l'aliquota corrispondente al reddito medio del biennio precedente ovvero se più favorevole all'amministratore l'aliquota dell'anno di pagamento.


Il riconoscimento della data certa anteriore al rapporto, nelle società di capitali, si potrebbe alternativamente ottenere con:

a) redazione di verbale di assemblea da parte di un notaio;

b) estratto notarile del libro delle deliberazioni dell'assemblea;

c) autenticazione notarile delle firme dei soci sul verbale di delibera;

d) notifica rituale del verbale di delibera all'amministratore stesso;

e) registrazione della delibera dei soci presso l'Ufficio del Registro (tassa fissa art. 10 Tariffa);

f) invio all'amministratore con raccomandata di copia della delibera in plico senza busta.

L'accettazione dell'amministratore deve avvenire in data successiva a quella in cui l'atto di nomina ha ricevuto data certa.
Se il diritto all'indennità non risulta da data certa anteriore all'inizio del rapporto:

- secondo l'A.D.C., norma di comportamento n. 125, per la società l'indennità è deducibile nell'esercizio in cui avviene il pagamento;
- secondo la maggior parte della dottrina la società deduce in ogni esercizio la quota Tfm di competenza;
- al pagamento, la società non opera la ritenuta del 20% ma rilascia il cedolino paga alla stregua del compenso corrente;
- per gli amministratori, l'indennità Tfm è soggetta a tassazione ordinaria e ha lo stesso trattamento del compenso corrente (articolo 54).


TRATTAMENTO PREVIDENZIALE

Il Tfm è soggetto al contributo previdenziale dovuto alla gestione separata Inps, entro il massimale contributivo (tenuto conto anche dei compensi correnti dell'anno) che per il 2004 è pari ad € 82.401,00. Secondo l'Inps (prot. 27/7265 del 15/3/02) il contributo previdenziale si calcola sull'importo dell'indennità al lordo della ritenuta fiscale 20%. La società dovrà in primo luogo determinare l'ammontare dei contributi dovuti e successivamente applicare la ritenuta d'acconto del 20% sul Tfm diminuito della quota Inps a carico dell'amministratore (1/3). Sempre secondo l'Inps (anche se il punto è poco chiaro) in caso di polizza assicurativa se beneficiario è la società il contributo previdenziale si calcola sul Tfm al netto dei rendimenti finanziari, se beneficiario è l'amministratore detti rendimenti costituiscono compenso e pertanto vanno assoggettati a contributo.


DIRITTO ALL'ESIGIBILITA'

Secondo la tesi prevalente, ogni mandato costituisce un rapporto giuridico distinto ed autonomo con la conseguenza che:

- per ogni mandato (conferma/rielezione) occorre verificare il presupposto della data certa anteriore;
- al termine di ogni mandato sorge il diritto ad esigere l'indennità.


POLIZZA ASSICURATIVA PER TFM

La società può decidere di accantonare l'indennità di fine mandato in una polizza di assicurazione che offre i seguenti vantaggi:

- salvaguarda l'equilibrio finanziario nell'esercizio in cui dovrà essere corrisposta l'indennità;
- il capitale accantonato si rivaluta;
- le somme corrisposte alla compagnia di assicurazione sono impignorabili e insequestrabili ex art. 1923 cc.

Il contraente della polizza è sempre la società, mentre il beneficiario può essere la società o l'amministratore.
ALESSANDRA PEDERZOLI

Nino Leanza
1950-2014

Conference Service ha perso il suo visionario fondatore e il mondo imprenditoriale ha perso un combattente.

Chi lo ha conosciuto ha perso un amico, una fonte dispirazione e un trascinatore.

Nino ci lascia il coraggio di affrontare la vita e di guardare avanti, perch c sempre un nuovo progetto da pensare, creare e realizzare.

Ciao Pap
Sara e Alberto
Scrigno del Cuore
2001-2014 OLTRE MAGAZINE
Conference Service srl - P.IVA 03134010374
"AVVISO - Ai sensi dell'art.1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004 n.72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n.128. Le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi. La riproduzione, la comunicazione al pubblico, la messa a disposizione del pubblico, il noleggio e il prestito, la pubblica esecuzione e la diffusione senza l'autorizzazione del titolare dei diritti vietata. Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli artt. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della legge 633/1941"